Cerca nel blog

Translate

martedì 17 aprile 2012

Astuccio piatto per il sal di Francesca

In questo periodo, mi sono iscritta a diversi Sal, perchè trovo che sia un'idea molto carina per realizzare cose nuove condividendo la stessa creazione con persone diverse ed è bello vedere, alla fine, come ognuna di noi realizza la sua opera personalizzandola! 


Ieri sono riuscita a terminare i due astucci piatti, primo oggetto del  Sal di cucito creativo organizzato da Francesca del blog "Il mondo creativo di Francesca"  ! Sono due perchè uno è il mio, mentre l'altro è stato fatto (per i primi passaggi) da Eleonora, la mia bimba . 


Questo e' stato possibile grazie alle spiegazioni molto chiare e dettagliate di Francesca. Le prime fasi mi sono sembrate molto semplici e cosi' ho voluto coinvolgere anche Eleonora, a casa per le vacanze pasquali, che ha scelto la sua stoffa ed ha fatto le prime cuciture.
Poi al momento di inserire la lampo, sono intervenuta io in entrambi gli astucci !
Siamo molto contente del risultato.


Grazie Francesca
per questa bella opportunita'!
 

domenica 15 aprile 2012

2 Primi Piatti di magro a base di verdure e pesce

Durante il periodo della Quaresima, per variare il menù dei vari venerdì, ho sperimentato alcune nuove ricette abbinando verdure a pesce e devo dire che il risultato è stato eccellente ! Sono due piatti molto semplici che non hanno bisogno di una grande preparazione ed estremamente delicati.

Conchigliette con cavolo verza e tonno: 
(dose per 2 persone) 



 
Ingredienti: 
Una scatoletta di tonno da 80gr. * mezzo cavolo verza (circa 300 gr.) * 160 gr. di conchigliette
olio e sale q.b.



Preparazione: 
Mettere a soffriggere in una padella con poco olio il cavolo verza lavato e tagliato a striscioline, unire il tonno sgocciolato e far cuocere a fuoco lento, finchè la verza non diventa morbida.
Aggiustare di sale e pepe o in alternativa, aggiungere qualche goccia di olio al peperoncino.
Far cuocere le conchigliette in abbondante acqua salata, quando sono cotte, scolarle e farle saltare nel condimento di cavolo verza e tonno.
Disporle nei piatti di portata e .... gustare! 



Tonnarelli all'uovo con asparagi e code di gambero: (dose per 2 persone) 


Ingredienti:
500 gr. di asparagi * 300 gr. di code di gambero decongelate * 160 gr. di tonnarelli all'uovo *
olio e sale q.b.

Preparazione:

In questo caso, mi sono avvalsa del valido aiuto del mio bimby! Inserire nel boccale 300 gr. di acqua e far cuocere gli asparagi a varoma - vel. 1 per una mezz'ora. 
Togliere l'acqua di cottura degli asparagi dal boccale per poterla pesare. Reintrodurla quindi nel boccale, aggiungendo acqua nuova per arrivare a 320 gr. in totale. Aggiungere la farfalla,  (io ho il TM 21) quindi aggiungere gli asparagi a pezzetti e le code di gambero. 
Far cuocere per 5 minuti a 100° vel. 1. 
Aggiungere i tonnarelli tagliati a pezzettoni, il sale e far cuocere per il periodo indicato sulla scatola più due minuti per consentire alla pasta di scendere. 
Se vedete che alla fine della cottura, il preparato risulta troppo "brodoso" far cuocere ancora 2 minuti a Varoma. 
Scodellare, eventualmente aggiustare di sale e ...... gustare !  


Buon Appetito !

giovedì 12 aprile 2012

Il Portapennelli da viaggio

Come anticipato ieri, oggi voglio mostrarvi ciò che ho preparato per la mia amica Michela, che lo scorso mese ha compiuto i suoi 40 anni e che recentemente ha scoperto o ritrovato, il suo amore per la pittura su ceramica. Fa delle cose molto belle e recentemente mi ha confidato che era alla ricerca di una scatola porta pennelli e così pensa e ripensa a come avrei potuto decorare una scatola di legno porta pennelli, mi è venuto in mente di realizzare, invece di una scatola, un bel portapennelli da viaggio, così anche quando sarà in vacanza potrà portare con sè i suoi pennelli. Lo stesso strumento può diventare tranquillamente un portapennelli da trucco o anche un porta ferri da calza o un astuccio porta colori ...... ampio spazio alla fantasia di ognuno !

Per la parte esterna ho utilizzato una stoffa di camoscio con delle carte geografiche stampate color oro, tipo Alviero Martini, mentre per l'interno ho utilizzato un bel cotone stampato con della lavanda in fiore. 


Per quanto riguarda le dimensioni, io l'ho voluto fare abbastanza largo per poter contenere un gran numero di pennelli, ma ognuno può realizzarlo secondo le proprie necessità. Per l'altezza invece, ho preso un kit di pennelli di mia figlia e mi sono basata su quello più alto ed ho lasciato ancora 5/6 cm oltre l'altezza massima. 
Il mio portapennelli finito ha le seguenti dimensioni: 73 cm di larghezza per 37 cm di altezza.  

Considerato che l'astuccio porta pennelli ha un risvolto superiore di 3 cm ed un risvolto inferiore di 10 cm,  le dimensioni da considerare per il taglio della stoffa  sono 73 cm x 50 cm + i margini per la cucitura. In proporzione le misure possono esssere cambiate secondo le proprie esigenze.  Per maggior chiarezza, allego un disegno con le dimensioni considerate: 

Scusate, lo schizzo a mano!

Prendete i due tessuti e metteteli diritto contro diritto, fate la cucitura del bordo inferiore + per i due lati cucite unicamente i 10 cm del risvolto. 
Rivoltate al diritto e stirate. Ripiegate quindi il risvolto di 10 cm e fate le cuciture longitudinali a distanza di 2 - 3 cm una dall'altra secondo la larghezza che vi occorre. Io qui ho lasciato una distanza dal lato sinistro di 5 cm, poi ho considerato 16 spazi per pennelli piccoli da 2 cm ognuno e 11 spazi per i pennelli grandi da 3 cm ognuno. 

Spero di riuscire a farvi capire con il disegno cosa intendo.  





Cucite considerando solo il risvolto e la stoffa interna, quindi dopo aver imbastito il risvolto con la stoffa interna cucite le impunture partendo dall’alto verso il basso stando ben attente a non prendere la stoffa esterna. 
Dopo aver fatto tutte le impunture, rimettete le due stoffe diritto contro diritto e cucite i due lati a sinistra ed a destra ed il bordo superiore, facendo attenzione a lasciare un'apertura per poter rivoltare il lavoro. 


Nella cucitura del lato lungo di destra, considerate il laccetto per la chiusura che va messo doppio per una lunghezza di circa 30 cm (quindi 60 cm di lunghezza totale) e bloccato dalla cucitura, quindi cucite insieme i due tessuti ed il laccetto al centro con la lunghezza all'interno delle due stoffe (così quando la stoffa verrà messa al diritto, il laccetto uscirà). Provo a fare un disegno per spiegare :


Rivoltate il lavoro e stirate.  Cucite a mano la parte lasciata aperta. 
Quindi rivoltate la parte superiore di circa 3 cm e fate una cucitura dal diritto per fermare il risvolto.

 

A questo punto l'astuccio porta pennelli è pronto per essere utilizzato ! 



Basta arrotolarlo su se stesso e fare un bel fiocco con il nastro !

Vi lascio con le immagini della torta che ho preparato per lei ed auguro una
Buona serata a tutti ! 
Particolare del bouquet di calle e rose

Una rosellina laterale


I suoi pennelli e la racchetta (è anche una tennista!)

 

mercoledì 11 aprile 2012

L'origano e le sue foglioline dalle mille proprietà

Sfogliando un vecchio numero della rivista "Bene Insieme" edita dal Conad, ho trovato questo articolo, a mio parere, molto interessante e che ci fa scoprire le mille proprietà, per lo più sconosciute, dell'origano. 


Famosa pianta aromatica del Mar Mediterraneo, l'origano vanta diverse proprietà benefiche. I fenoli, Timolo e Carvacrolo, fanno parte dei suoi principi attivi, insieme a vitamine e sali minerali.

Da provare per: 
COMBATTERE IL MAL DI GOLA
Se si soffre di una fastidiosa infiammazione al cavo orale si può provare questo infuso!
Fate bollire in un pentolino 1 litro di acqua ed aggiungere 10 gr. di origano (la parte fiorita) e lasciare in infusione per circa 10 minuti. 
Berne 2-3 tazze al giorno. 
Essendo l'origano antibatterico, antifungino ed antisettico, si può usare l'infuso anche contro afte e stomatiti.

RICARICARSI DOPO UNA LUNGA GIORNATA
Ecco l'idea per eliminare lo stress accumulato durante la giornata. Fate bollire una manciata d'origano in un litro d'acqua. Lasciar riposare per circa 15 minuti e poi filtrare. Aggiungere questo concentrato all'acqua tiepida della vasca e godersi il bagno per circa mezz'ora. La tensione sarà magicamente scomparsa!

UN ALLEATO NELLA LOTTA CONTRO LA RITENSIONE IDRICA
Questo antipatico inestetismo è l'assillo di quasi tutte le donne, soprattutto per la prossima stagione estiva! Per drenare i tessuti, aggiungere a 250ml di acqua bollente mezzo cucchiaino di origano essicato e lascia in infusione per 3 minuti. Questo infuso ha proprietà diuretiche e va consumato dopo ogni pasto! .......  
Lo provo immediatamente e poi vi faccio conoscere i risultati !

Da usare per:  
Far scomparire da casa le formiche: 
Se non sai più cosa fare per scacciare le formiche dalla tua cucina, prova a cospargere le zone interessate con una piccola quantità di origano. Le formiche migreranno altrove, ma ricorda di cambiare spesso l'origano per evitare il loro ritorno !



Alleviare i dolori mestruali: 
Purtroppo per molte donne le mestruazioni sono una vera e propria tortura. Per non soffrire più durante i periodi mestruali  puoi provare a versare dell'acqua bollente sopra una manciata di foglie di origano essiccate. Dopo aver filtrato l'infuso, bevine due tazze ogni giorno. 

Curare il torcicollo: 
L'origano è un efficace rimedio contro il dolore alla base del collo. Raccogliete un mazzetto di fiori d'origano e scaldatelo per un paio di minuti tra le mani. Ponetelo sulla parte dolorante del collo: entro breve tempo noterete i benefici !   

Sfoggiare un ventre piatto: 
Contro il gonfiore addominale, potete assaggiare questo ottimo cocktail fai da te. Far macerare per 8 giorni un pugno di fiori d'origano in 1 litro di vodka. Trascorsi gli 8 giorni, filtrate accuratamente il preparato con una tela fine e versatene 2 dita in un bicchiere pieno di succo di pomodoro. Berlo come aperitivo prima dei pasti.  


Curiosità : 
Secondo la leggenda fu la cicogna la prima a scoprire le notevoli proprietà benefiche dell'origano. L'animale era infatti solita cibarsene dopo aver ingerito cibi tossici. Proprio per questo, la Facoltà di Medicina di Parigi ha come simbolo l'immagine di 3 cicogne d'argento, ciascuna con un rametto di origano nel becco 


Ed ora per voi uno schema crocettoso da utilizzare per fare un sacchetto porta origano o anche un quadretto da cucina !   


A domani con un lavoro carinissimo che ho fatto per la mia amica Michela in occasione del suo compleanno ! 
Buona serata a tutte !

Stefania

martedì 10 aprile 2012

Le scuole: Punto croce doppio a due diritti

Il punto croce doppio a due diritti si lavora da sinistra verso destra nel primo giro e da destra verso sinistra nel ritorno. Essenzialmente adatto a creare motivi lineari, questo punto, ripetuto in righe sovrapposte o alternate nei vari colori, permette di realizzare importanti bordi decorativi. 

1 - Uscite con l'ago in 1 sul diritto del lavoro e seguite la numerazione fino a 9 (le linee tratteggiate mostrano il filo sul rovescio); ripetere i movimenti da 5 a 9 sino alla fine della riga. 






2 - Il disegno mostra come si presenta il retro nel primo giro. 




3 - Per il giro di ritorno, uscite con l'ago in 1 (il punto 9 del disegno 1)  e seguite la numerazione, procedendo da destra verso sinistra. 

 



 4 - Nella foto, il giro di ritorno di una riga di punto croce doppio a due diritti: in lavorazione e ultimato. Come potete notare il ricamo è stato eseguito prendendo 2x2 quadretti di tela Aida. 

5 - Il disegno mostra come si presenta il retro del lavoro, una volta eseguito il secondo giro.






 










6 - Nella fotografia, la lavorazione di più righe sovrapposte.


7 - Un esempio di applicazione di punto croce doppio a due diritti a righe sovrapposte.

domenica 8 aprile 2012

Buona Pasqua a tutti !

Anche se la giornata è quasi finita, voglio condividere con voi questa bella e serena giornata ed augurare a tutte voi una Buona Pasqua ed una Serena Pasquetta per domani. 

Un'immagine del nostro albero di Pasqua, tradizione che ho adottato dall'Austria già da molti anni!


Mi riempie di immenso piacere preparare ogni anno il nostro albero di Pasqua, con delle uova acquistate nel tempo, in Italia o all'estero, delle uova decorate da noi con la tecnica del decoupage ed aggiungendo una novità ogni volta! Quest'anno sono entrati a far parte della famiglia e delle decorazioni pasquali questi due allegri conigli!



Altra cosa alla quale non possiamo rinunciare è la nostra colazione di Pasqua! E' un rituale che si ripete ogni anno e comincia con la preparazione già dalla sera prima ....... delle uova sode decorate ...... queste sono il risultato di un lavoro in team: Eleonora, Giorgio ed Io !



l'immancabile pastiera ...... quest'anno ho voluto provare questa ricetta che ho trovato nelle ricette bimby e .... che dire ..... spettacolare! Morbida, gustosa, una vera delizia per ogni palato ! 



Se volete provarla anche voi, io ho fatto quella proposta da Cristina Melani e dò un bel 10+! Ecco il link: http://www.ricette-bimby.com/2010/04/pastiera-napoletana-col-bimby-ricetta.html.
E poi.... la famosa corallina, che è un tipico salame che si trova soprattutto a Roma e quasi esclusivamente nel periodo Pasquale e che va gustata con il ciambellone dolce !!!!  



E per domani, sperando in un tempo "clemente" vorremmo fare la caratteristica scampagnata e così ho preparato dei pomodori al riso con contorno di patate e zucchine

 
 ed una pizza ripiena con broccoletti e salsiccia! 
Poi da martedì ......... dieta disintossicante a base di frutta e verdura !!!!!!

Buona Pasquetta per domani!







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...