Cerca nel blog

Translate

domenica 31 ottobre 2010

Spätzle di spinaci con funghi, noci e mela

Io adoro gli spätzle, siano essi verdi, quindi con gli spinaci. o gialli, quindi con le sole uova. Qualche sera fa, avevamo un amico a cena e così ho preparato questo piatto, già sperimentato qualche altra volta, molto gustoso! 
La mela, unita al gusto della noce e del fungo porcino conferisce a questo piatto un profumo unico ed un gusto davvero eccezionale!

I miei gnocchetti erano già pronti, li ho acquistati alla Gs e sono quelli della Paf, ma se volete sperimentarvi e prepararli da sole vi dò questo link che spiega perfettamente come farli.

Ingredienti: 
1 pacchetto di spätzle agli spinaci (il pacchetto da 250 gr. va bene per un massimo di 3 persone) 
circa 50 gr. di funghi porcini secchi o 200gr. freschi
200 gr. di funghi champignons freschi o trifolati già pronti in scatola (io spesso uso quelli che si trovano alla Lidl e che devo dire sono molto buoni)
una manciata di noci sgusciate
sale - olio di oliva
facoltativo uno spicchio d'aglio
un bicchiere di vino bianco.

Preparazione:
Mettere a bagno i funghi porcini secchi in una scodella con acqua fredda. Lasciarli in ammollo per circa un'oretta, finchè non sono tornati morbidi. Prendere, quindi una padella, mettere dell'olio con uno spicchio d'aglio (se piace, altrimenti potete evitare) e lasciarlo imbiondire. Scolare i funghi, conservando comunque l'acqua; quindi versateli nella padella con l'olio bollente e lasciare soffriggere per qualche minuto. Aggiungere gradatamente l'acqua che abbiamo tenuto da parte, ben filtrata (altrimenti potrebbero restare residui di terra) e lasciar cuocere a fuoco lento. Quando tutta l'acqua si è assorbita, aggiungere i funghi champignons freschi (o la scatoletta di funghi trifolati) e lasciar cuocere. Quando tutti i funghi sono cotti, aggiungere una mela sbucciata ed a tocchetti, e le noci sgusciate e spezzettate. Continuare ad amalgamare via via e se necessario, aggiungere un pò di brodo o dell'acqua o anche un bel bicchiere di vino bianco.  
Quando la mela è ben appassita, aggiungere il sale e gli gnocchetti. Aggiungere due - tre bicchieri di acqua e farla via via assorbire dagli gnocchetti. Continuare a mescolare, aggiungendo, se necessario ancora acqua calda, finché gli gnocchetti non sono cotti. Bastano 3-4  minuti. Assaggiare, e se necessario aggiungere del sale. Scodellare in un piatto da portata e gustare! Il piatto si accompagna con un bel vino bianco secco! Noi avevamo la Falanghina ed è andata benissimo!

venerdì 29 ottobre 2010

Una sciarpa "pizzo valenciennes"

Questa è stata la più bella sciarpa che ho realizzato finora! Il lavoro è stato lungo e faticoso, poichè l'uncinetto scorre abbastanza lentamente e questa era proprio una bella sciarpa lunga ed anche abbastanza larga!
Il fiore che ho abbinato come "chiudisciarpa", invece, è stata proprio la "chicca" che l'ha resa ancora più preziosa! 


Il filato usato è Alpaca di Mani di Fata,  già di qualche anno fa! Molto fino e lavorato con l'uncinetto n. 1,75.

giovedì 28 ottobre 2010

Un cuscinone ricamato a mano

Qualche tempo fa avevo voglia di realizzare un bel cuscino e così ho comperato tutto l'occorrente, ho ricamato una bella G e ho assemblato stoffa ed accessori. Ne è uscito questo bel cuscino azzurro! 


Occorrente: 
- stoffa di cotone abbastanza sostenuta (va benissimo il tipo da tappezzeria) ca 130 cm. - se la stoffa fosse alta cm. 140 bastano 65 cm.
- passamaneria in tinta con il colore di fondo 
- tela aida ecru da 55 quadretti 50 cm x 50 cm 
- filo mouliné azzurro - 1 ago da ricamo
- 4 nappe in tinta con il cuscino 
- cordoncino per cuscini - ca. 250 cm (deve essere un cordoncino di circa 1 cm. che ha su un lato una fettuccia) 
per scaricare il pdf clicca qui
Esecuzione: 
Ricamare la tela aida seguendo lo schema allegato. 
Ricavare dalla stoffa 2 quadrati di cm. 65 per ogni lato. Imbastire sul lato superiore della stoffa la tela aida ricamata. Cucirla con un punto lungo a macchina. Imbastire la passamaneria tutto intorno al bordo della tela aida, quindi fermarla con un punto stretto a macchina, su entrambi i lati della passamaneria. 
Imbastire e poi fissare a macchina il cordoncino tutto intorno ai lati del cuscino inferiore. Mettere i due quadrati, diritto contro diritto, facendo rientrare il cordoncino, cosicchè resti imprigionato tra le due stoffe e fissare anche le quattro nappe su uno dei due quadrati.  Anche le nappe devono restare all'interno delle due stoffe. Questo perchè quando poi si rivolterà il cuscino dal lato diritto, resterà tutto intorno al bordo il cordoncino e le quattro nappine usciranno da ogni angolo. Su un lato imbastire e cucire la chiusura lampo. Chiudere poi gli altri 3 lati. Rivoltare il  cuscino dal diritto ed inserire l'imbottitura 60 x 60.


mercoledì 27 ottobre 2010

L'Arte delle Donne insieme per la Sindrome di Noonan: la prima mostra di Fidene

Si è svolta sabato pomeriggio 23 ottobre la nostra prima mostra di oggetti artigianali a favore dell' Associazione Angeli Noonan, per poter raccogliere fondi da destinare alla ricerca e per aiutare le famiglie che hanno persone colpite da questa sindrome. Per chi volesse approfondire: www.angelinoonan.it

Vogliamo ringraziare quelle poche persone che sono venute a trovarci perchè con il loro gesto di solidarietà hanno contribuito ad una grande causa. 

Ripeteremo l'evento anche Sabato 11 dicembre, questa volta per l'intera giornata e con un numero maggiore di donne creative presenti.  Il luogo sarà sempre la chiesa di Santa Felicita e dei Martiri a Fidene. 




martedì 26 ottobre 2010

Le scuole: Punto croce 1 x 2

Questo tipo di punto croce viene eseguito prendendo due fili in larghezza ed uno in lunghezza o viceversa. Nel primo caso si  otterrà un punto croce allargato, nel secondo caso si avrà, invece, un punto croce allungato.



Eseguite un punto obliquo di andata puntando l'ago un filo a destra e due fili sopra ed uscendo due fili sotto.








Completate la crocetta puntando l'ago un filo a sinistra e due fili sopra.





Punto croce allungato












lunedì 25 ottobre 2010

Un raggio di sole ha colpito il mio maglione !

Questo è il maglione che ho realizzato qualche anno fa tutto per me; "grosso e coccoloso" sul dietro e sul davanti, perchè lavorato a grana di riso con una lana corposa dal filo irregolare: la Fiordo stampato. Si tratta di un tipo di filato in pura lana vergine realizzato da Mani di Fata qualche anno fa e che io ho acquistato in tutte le tonalità realizzando delle sciarpe bellissime! Peccato che ora non la producano più ! 

Taglia 44(48)

Occorrente: 
gr. 500(550) di lana Fiordo Stampato (o, in alternativa, un'altra lana un pò grossa, ma soprattutto irregolare) arancio
gr. 100 (150) di lana Merinos 8 arancio
un paio di ferri n. 3,5 n. 5 e n. 9 


Campione della grana di riso: 
9 punti = cm. 12 di larghezza


Campione della maglia rasata: 
20 punti = cm. 10 di larghezza

Le indicazioni date si riferiscono alla taglia 44, quelle poste fra parentesi sono relative alla taglia 48; nel caso di un'unica indicazione, questa si riferisce ad entrambe le misure. 


Esecuzione: 
Davanti: con i ferri n. 9 e la lana fiordo avviare 34 (37) punti, lavorare 2 ferri a legaccio e proseguire a grana di riso. A cm. 6 di altezza totale, per sagomare i fianchi, diminuire ai lati 1 punto internamente al primo ed all'ultimo punto e ripetere queste diminuzioni ancora una volta a 8 ferri di distanza dalle precedenti. Per ottenere 1 diminuzione lavorare 2 assieme a diritto o rovescio. A cm. 18 (19) di altezza totale, aumentare ai lati, 1 punto,  internamente al primo ed all'ultimo punto e ripetere questi aumenti altre due volte a 8 ferri di distanza dai precedenti. Per ogni aumento raccogliere il filo orizzontale fra 2 punti e lavorarvi 1 diritto o 1 rovescio crociato. A cm. 37 (39) di altezza totale, per l'incavo manica, intrecciare ancora 1 punto nel 2° ferro seguente. A cm. 45 (49) di altezza totale, per lo scollo, intrecciare i 6 (7) punti centrali e proseguire sulle due parti separatamente, intrecciando ancora, a lato dello scollo, ogni 2 ferri, 2 punti ed 1 punto per 2 volte. A cm. 54 (58) di altezza totale, per la spalla, intrecciare gli 8 (9) punti rimasti in due riprese, ossia 4 punti per 2 volte (4 punti e 5 punti). Portare a termine l'altra parte nello stesso modo, ma in senso inverso. 


Dietro: si lavora come detto per il davanti, omettendo l'esecuzione dello scollo. A cm. 54 (58) di altezza totale per le spalle, intrecciare ai lati 8 (9) punti in due riprese. Contemporaneamente al 1° intreccio delle spalle, per lo scollo nuca, intrecciare i 14 (15) punti centrali in una sola volta e proseguire sulle due parti separatamente. Portare a termine l'altra parte, ma in senso inverso. 


Manica: con i ferri n. 9 e la lana Fiordo avviare 18 (20) punti, lavorare 2 ferri a legaccio e proseguire a grana di riso. A cm. 7  di altezza totale, proseguire con lana merinos 8 a maglia rasata diritta, alternando 1 ferro con i ferri n. 5 ed 1 ferro con i ferri n. 3,5. Contemporaneamente, durante l'esecuzione del 1° ferro, raddoppiare il numero dei punti lavorando in ogni punto 1 diritto ed 1 rovescio. Durante l'esecuzione del 2° ferro ripartire 12 (13) aumenti. In seguito, aumentare ai lati, internamente al 1° ed all'ultimo punto, 1 punto ogni 14 ferri per 7 volte. A cm. 42 (44) di altezza totale, per l'arrotondamento della manica, intrecciare ai lati 2 punti in una sola volta e proseguire diminuendo ancora,  internamente al primo ed all'ultimo punto e ogni 2 ferri, 1 punto per 17 (19) volte; intrecciando in una sola volta i 24 (25) punti rimasti. Per diminuire 1 punto all'inizio del ferro lavorare 2 assieme a diritto crociato: al termine del ferro lavorare 2 assieme a diritto. Eseguire l'altra manica nello stesso modo. 


Confezione: 
Cucire le spalle ed i fianchi, cucire i sottomanica ed attaccare ogni manica al suo incavo.

 

domenica 24 ottobre 2010

Mamma, papà oggi cucino io! Matrimonio di Tonno e Riso e Friselle con i Pomodorini

Durante una gita scolastica dello scorso anno alla Centrale del Latte di Roma, Eleonora, così come i suoi compagni  di classe, hanno ricevuto in dono 3 libri di ricette, scritte e cucinabili da bambini e lei, quando può, è così orgogliosa di preparare qualcosa per noi! 
Questa mattina si è svegliata proprio con l'idea che oggi avrebbe cucinato lei. 

I 3 libri di ricette, sono il risultato di un concorso abbinato alla campagna sociale di educazione alla corretta alimentazione "Che sapore ha il sorriso dei bambini"  promossa dall'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con il sostegno della Centrale del Latte di Roma. Al concorso hanno partecipato i bambini di alcune Scuole Primarie. 

Queste due ricette sono molto semplici, ma al tempo stesso gustose, proponete anche ai vostri figli di prepararle, si divertiranno un mondo!


Matrimonio di Tonno e Riso

Ingredienti: 
1 trancio di tonno fresco (noi lo abbiamo sostituito con una scatoletta di tonno - non avendo il prodotto fresco)
pomodorini freschi 
sale
olio d'oliva
aromi vari essicati
riso

Preparazione: 
In una padella con dell'olio di oliva mettiamo il tonno fresco tagliato a cubetti o il tonno contenuto nella scatoletta. Aggiungiamo i pomodorini tagliati a spicchi, un pò di sale e gli aromi. Lasciamo cuocere mescolando di tanto in tanto.
A parte prepariamo il riso facendolo bollire in acqua salata. Quando è pronto lo scoliamo e lo condiamo con il tonno preparato in precedenza.
Portiamo in tavola su un bel piatto da portata.


Friselle con pomodorini o "Panzanella"  


Ingredienti: 
Delle friselle secche o del pane rifatto
pomodorini freschi 
sale
olio d'oliva
origano

Preparazione: 
Bagnare il pane secco o le friselle con acqua. Tagliare i pomodorini a pezzetti e metterli in una ciotola, condirli con sale ed olio di oliva. Disporre i pomodarini sul pane bagnato, aggiungere ancora un goccio di olio e spolverare con origano fresco o, in mancanza, origano secco. 

venerdì 22 ottobre 2010

Questa volta la borsa è all'uncinetto !

Di nuovo una bella borsa, grande e capiente, proprio quella che fa comodo quando si va in spiaggia con asciugamano e rivista o anche in città, quando facciamo acquisti ed abbiamo bisogno di molto spazio! 
Questa borsa l'ho realizzata la scorsa estate con un filato in cotone e poliestere molto particolare, perchè brilla alla luce.

La lavorazione è molto semplice, tutta maglia alta, lavorata in orizzontale. La borsa è composta da un pannello unico che poi viene ripiegato e cucito ai lati. La parte superiore è stata rifinita con 4 giri di maglia bassa. Per i manici, lavorati tutti  a maglia alta, ho fatto 4 maglie alte ed ho fatto tanti giri quanto la lunghezza desiderata, quindi ho riagganciato le 4 maglie alte dal lato opposto.Questo per entrambi i manici. 
L'interno è stato fatto con una stoffa bianca, e con tre belle tasche, un tascone unico da un lato ed un paio di tasche dal lato opposto. I manici sono stati doppiati con una fettuccia di 2 cm. e mezzo ecru, per dare maggiore consistenza ai manici e per evitare che le maglie si allentassero!

giovedì 21 ottobre 2010

La borsa che contiene tutto, bella da vedere ed utile da usare!

Qualche giorno fa sono entrata a curiosare in un negozio di stoffe e sono rimasta affascinata da questa stoffa americana, dai colori sorprendentemente luminosi. Non potevo non comprarla !! 
Ecco cosa ho realizzato! 


I pesci sembrano saltar fuori dalla borsa! L'imbottitura è fatta con una gomma piuma alta 1 cm ed il rivestimento interno è con cotone a nido d'ape. Ci sono 4 belle tasche, due per ogni lato, che si chiudono con lo strap adesivo. 
Anche la borsa si chiude con due strap adesivi, uno per ogni lato! 
Prima che arrivi la prossima estate, voglio abbinarci un bel pareo, che ne dite???

mercoledì 20 ottobre 2010

Passatempi e Passioni alla Fiera di Forlì dal 29 al 31 ottobre 2010





1° edizione Fiera di Forlì
29, 30, 31 ottobre 2010
Il piacere di dire ‘L’ho fatto io’

Passatempi e Passioni è il nuovo evento dedicato all’universo della creatività femminile. Da sempre le donne impiegano una parte della loro giornata in attività creative ed artistiche, trasformando un ‘semplice’ passatempo in manufatti che esprimono la cura, l’impegno, la fantasia - in una parola, la passione - profusa nella realizzazione; piccole e grandi opere d’arte che parlano di chi le ha create e di grande valore affettivo oltre che reale.
L’appuntamento con Passatempi e Passioni è da venerdì 29 a domenica 31 ottobre, alla Fiera di Forlì, location nota per il grande numero di eventi che ospita e facilmente raggiungibile dalle creative di tutto il Centro Nord Italia.
Una grande kermesse, unica in Romagna, che proporrà materiali, attrezzature, corsi, dimostrazioni per tutte le appassionate di lavori femminili; una ‘tre giorni’ di shopping, mostre, concorsi e laboratori per avvicinarsi a nuovi hobby, approfondire le tecniche, conoscere le ultime novità.
Strategiche le date di svolgimento, Passatempi e Passioni infatti si svolgerà a due mesi da Natale, nella stagione in cui la manualità femminile raggiunge i momenti più alti di espressione artistica, per rendere le feste un momento ancora più speciale ed unico.
Passatempi e Passioni sarà una fucina d’idee: cucito creativo, pizzi e ricami, tessitura, cucina, découpage, bigiotteria, scrapbooking, mosaico, pirkka, quilt, knit, miniature, stamping, paste per modellare, decorazioni ed addobbi natalizi e tante altri settori e tecniche tutte da scoprire.
Parteciperanno aziende e rivenditori di materiali, associazioni e scuole, editoria di settore, che presenteranno tecniche e prodotti innovativi, illustreranno le lavorazioni manuali ed effettueranno dimostrazioni pratiche al pubblico.
In fiera non ci sarà solo shopping ma, grazie ad un fitto calendario di corsi e laboratori che si svolgeranno per tutto il periodo del Salone, i partecipanti avranno l’occasione di apprendere ‘in diretta’ le più appassionanti tecniche di manualità con la soddisfazione di portare a casa, alla fine del corso, un oggetto unico e fatto da sé.
Non mancherà uno spazio dedicato ai più piccoli, dove i bambini potranno imparare, sotto la guida di animatori ed insegnanti, le prime tecniche di costruzione e decoro e lasciare un po’ di tempo alle mamme per dedicarsi ai propri passatempi e passioni.

Tutte le informazioni per partecipare sul sito
www.passatempiepassioni.it
Apertura al pubblico ore 9.30/19;
Ingresso intero € 8,00 – ridotto € 6,00 – 10/16 anni € 4,00
Organizzazione Blu Nautilus srl
piazza Tre Martiri 24
47921 Rimini - RN

tel 0541.53294 fax 0541.50094
e-mail: info@passatempiepassioni.it


Comunicato stampa


Passatempi e Passioni propone un fittissimo calendario di laboratori a cui potrete partecipare con artisti e maestri, pronti ad insegnare tecniche e trucchi per realizzare passo dopo passo tantissime opere fatte a mano. 
Inoltre diverse associazioni ed espositori propongono presso il proprio stand corsi, dimostrazioni e incontri.

Dal 29 al 31 ottobre 2010 Chiara Consiglia sarà presente con uno stand tutto dedicato alle persone creative, alla fiera di Forlì Passatempi e Passioni.

Per scoprire tutte le novità di questo straordinario evento,  Clicca qui


Qui potete scaricare il coupon con lo sconto per accedere in fiera. 



Qui potete scaricare il Calendario ‘giorno per giorno’ dei corsi in programma, aggiornato al 20 ottobre 2010!
SIAMO A 500 appuntamenti!

Vi ricordo che nello stand di Chiara Consiglia troverete tutti i giorni due giveaway: ore 12.30 e ore 17.30 e lo swap party dalle ore 16.00 alle ore 17.00….Partecipate numerosi!!!
Maggiori informazioni le trovate qui
Swap party-Regolamento
Swap party, dal 29 al 31 ottobre presso lo stand di Chiara Consiglia. Il regolamento per partecipare!

martedì 19 ottobre 2010

Le Scuola: Ricamo a punto croce - ancora 2 schemi di Halloween

 Ci avviciniamo velocemente alla notte delle streghe ed allora, veloci veloci, ecco qualche altro schema per dilettarvi nell'arte più bella del mondo: il punto croce e sorprendere i vs. ospiti con una bella streghetta alla porta ricamata da voi!!!
Per scaricare il PDf clicca qui





Per scaricare il PDf clicca qui

lunedì 18 ottobre 2010

Per sfuggire alla strega di Halloween, Stella è regina delle nevi

Continua l'arricchimento del guardaroba delle nostre piccole modelle. Oggi abbiamo fatto diventare Stella, nota protagonistra delle Winx, una regina delle nevi! Basta poca lana bianca, un filato lurex ed ecco che la nostra Stella brilla di luce propria! 
Il modello è tratto da Susanna Solo Bimbi - ed Settembre 2005 




Il modello di oggi è un vestito con spacco laterale e coprispalle abbinato. 

Vestito: 
Occorrente: 
gr. 30 di lana bianca da lavorare con i ferri n. 3 * un gomitolo di filo di lamè argento *  uncinetto n. 2,5. 

Punti impiegati : 
Maglia rasata diritta: 
ferro di andata a diritto, ferro di ritorno a rovescio
Maglia legaccio: 
lavorare tutti i ferri a diritto
Esecuzione

Dietro: 
Con i ferri n. 3 avviare 21 maglie e lavorare a maglia legaccio per 4 ferri. Proseguire a maglia rasata, lavorando le prime ed ultime 2 maglie a maglia legaccio per l'apertura degli spacchi.
A cm. 7 di altezza totale, proseguire su tutte le maglie a maglia rasata. A cm. 12 di altezza totale diminuire ai lati, all'interno di 2 maglie, 1 maglia.
A cm. 17 di altezza totale per gli scalfi, intrecciare ai lati, ogni 2 ferri, 1 maglia per 3 volte.
Intrecciare le maglie rimaste.  

Davanti: Si lavora come il dietro. 

Confezione

Cucire i fianchi. Per le spalline, con l'uncinetto n. 2,5 eseguire 2 catenelle lunghe ciascuna 3 cm. e cucirle ai lati della scollatura.

 
Lo Scaldaspalle: 
Occorrente: 
gr. 20 di lana bianca da lavorare con i ferri n. 3 * un gomitolo di filo di lamè argento *  

Punti impiegati : 
Maglia rasata diritta: 
ferro di andata a diritto, ferro di ritorno a rovescio
Punto coste fantasia: 
1° ferro: *1 maglia diritto, 1 maglia rovescio*. Ripetere da * a *.
2° ferro: a rovescio
3° ferro: ripetere dal 1° ferro.

Esecuzione

Si lavora in un unico pezzo. Con i ferri n. 3  avviare 20 maglie e lavorare a maglia rasata. A cm. 2 di altezza totale proseguire a punto coste fantasia, diminuendo nel corso del primo ferro 5 maglie a distanza regolare.  A cm. 22 di altezza totale, nel corso dell'ultimo ferro, a coste fantasia, aumentare 5 maglie a distanza regolare e proseguire a maglia rasata.  A cm. 24 di altezza totale intrecciare tutte le maglie. 
Confezione

Cucire i sottomanica per cm. 8. 


domenica 17 ottobre 2010

La Crostata Salata di zio Giò : leggera e gustosa

Ieri sera avevamo voglia di qualcosa di "sfizioso". Cosa cucino, cosa non cucino ......... ho messo insieme un pò di ingredienti che avevo nel frigorifero e..... ne è uscita fuori una crostata salata veramente gustosa ed estremamente leggera! 


Ingredienti: 
Una confezione di pasta sfoglia rettangolare fresca * 3 fette di fesa di tacchino * una confezione di funghi trifolati in scatola * 8 albumi ed un uovo intero * una fetta di emmenthal * 5 sottilette * sale * pepe *

Preparazione: 
Tritare nel mixer la fesa di tacchino con l'emmenthal e le sottilette, unire i funghi trifolati, gli albumi e l'uovo intero, aggiungere un pizzico di sale ed un pizzico di pepe. 
Stendere la pasta sfoglia in una teglia rettangolare ricoperta di carta forno, facendo aderire bene la pasta al bordo della teglia. (ricavare dalla sfoglia rettangolare, circa 10 cm di pasta sfoglia, da tenere da parte).
Versare il composto preparato, quindi con la pasta sfoglia  tenuta da parte, tagliare delle striscioline da mettere sulla crostata, incrociandole via via a rete. 
Infornare a 200° per circa 20/25 minuti.

venerdì 15 ottobre 2010

Con la fascia i capelli restano in ordine ed il viso si illumina

In cotone, come in questo caso o in lana, per l'inverno, la fascia è un capo moda sempre più attuale ed un  accessorio molto utile! 
Occorrente: 
gr. 30 di filato in cotone * uncinetto n. 5 


Esecuzione: 
Avviare una catenella di 77 maglie. 
1° giro: una maglia alta in ogni catenella sottostante, con una maglia bassissima agganciare l'ultima maglia alta fatta con la prima maglia alta e chiudere la fascia a cerchio. Sostituire in tutti i giri  la prima maglia alta con 3 catenelle. 
dal 2° al 5° giro : *1 maglia alta, 2 catenelle, tralasciare 2 catenelle di base, 1 maglia alta*. Ripetere da * a * per tutto il giro. 
6° giro: *1 maglia alta, 2 maglie alte nell'arco sottostante, 1 maglia alta*. Ripetere da * a * per tutto il giro. 
7° giro: 1 maglia bassissima in ogni maglia alta sottostante. Affrancare il filo.  


Nei prossimi post, inserirò anche delle fasce copriorecchie in lana, estremamente calde sia in montagna, sia in città, nelle giornate più fredde! 

giovedì 14 ottobre 2010

Tempo di battesimo: il cesto porta bomboniere di Matteo

Ancora un'idea per una cerimonia! 
Questa volta Pina ed io abbiamo realizzato un cesto per contenere le bomboniere del Battesimo di Matteo. Le bomboniere sono state realizzate da  Mais-Onlus, mentre l'idea del cesto, del bellissimo Pinguino centrale  e della coccinella portafortuna è frutto della nostra fantasia.


Per cominciare abbiamo preso un cesto di vimini abbastanza capiente. Tutto intorno abbiamo cucito con un sottopunto un bordo alto circa 20 cm. di stoffa a quadretti bianca e celeste. Abbiamo poi riempito il fondo del cesto con un'imbottitura sintetica (che potrete facilmente reperire nei negozi che vendono imbottiture) e l'abbiamo ricoperta con della fodera bianca che abbiamo poi appuntato al bordo quadrettato, sempre con una cucitura nascosta.
Abbiamo poi incastrato il Pinguino di pelouche al centro del cesto e tutt'intorno abbiamo messo i sacchettini con i confetti e li abbiamo bloccati con degli spillini con capoccetta colorata.  Su ogni sacchettino era riportato o un pinguino o una coccinella e quindi abbiamo messo anche la coccinella porta fortuna in pelouche
Il cesto è stato poi rifinito con del tulle azzurro e bianco con il quale abbiamo fatto dei gran fiocchi!
Vi garantisco che dal vivo era ancora più bello!

E questa invece è la torta - abbinata chiaramente al cesto!

La base è pan di Spagna farcito con una crema al cioccolato e ricoperto con tanta panna. Anche in questo caso siamo andati alla ricerca del pinguino e della coccinella e .... l'abbiamo trovati !

mercoledì 13 ottobre 2010

Insieme per la Sindrome di Noonan: il nuovo appuntamento de L'Arte delle Donne alla chiesa di Santa Felicita di Fidene

Carissimi,

vi ricordo il nuovo appuntamento dell' Arte delle Donne! 
La scorsa volta, purtroppo, non è stato possibile realizzare la mostra per problemi tecnici intervenuti all'ultimo momento ! 

Speriamo che questa volta tutto vada per il meglio, considerata l'estrema importanza di questa iniziativa che nasce dalla volontà di alcune donne creative di aiutare tutte le persone colpite dalla Sindrome di Noonan. 
E' questa una malattia genetica di nuova generazione, di cui si sà ancora troppo poco. 



Invito tutti coloro che leggono, a partecipare, perchè anche il più piccolo contributo può essere prezioso!

L'APPUNTAMENTO E' PER SABATO 23 OTTOBRE 
 CHIESA DI SANTA FELICITA & FIGLI MARTIRI
Via Don Giustino Maria Russolillo, 37 - 00138 - Roma
DALLE ORE 15,30 ALLE ORE 20,00 CIRCA

Per un aiuto concreto, potete contattare direttamente :


martedì 12 ottobre 2010

Le Scuole : Ricamo punto croce - Halloween: Zucche e Fantasmi

Ecco uno schema per ricamare qualcosa di carino in occasione di Halloween, una festa che da alcuni anni sta diventando sempre più popolare anche qui da noi. 

 Il disegno completo

Particolare del fantasmino superiore 
 
Particolare della scritta centrale   

Particolare del fantasmino inferiore  




Con questo schema potete sperimentare sia i consigli delle puntate precedenti, sia il punto scritto, per fare i fantasmini , di cui abbbiamo parlato la scorsa settimana.


Ecco, anche una filastrocca in tema tratta dal sito 

Per scaricare il PDF clicca qui
Buon lavoro a tutte e .... 
aspetto le foto delle vs. realizzazioni per pubblicarle! 
Mi farebbe un immenso piacere!


lunedì 11 ottobre 2010

Oggi la Bratz si prepara per la festa!

Oggi continuo con la moda Bratz, così chi vuole, può preparare dei vestitini da regalare per il prossimo Natale alle proprie figlie, nipotine o semplicemente amichette di famiglia.
Il modello è tratto dalla rivista "Susanna Solo Bimbi" di Settembre 2005.


Il guardaroba si arricchisce oggi di un vestito con relativo scialle per un tocco di eleganza in più. 


Occorrente: 
gr. 50 di lana rosa e gr. 50 di lana mohair rosa da lavorare con i ferri n. 2,5 * un gomitolo di filo di lamè rosa *  uncinetto n. 2,5. 

Punti impiegati con i ferri: 
Maglia rasata diritta: 
ferro di andata a diritto, ferro di ritorno a rovescio
Maglia rasata rovescio: 
ferro di andata a rovescio, ferro di ritorno a diritto
 
Punti impiegati con l'uncinetto: 
Punto fantasia: 
1° giro: 1 maglia alta, saltare 1 maglia di base * nella maglia seguente lavorare 1 maglia alta, 1 catenella, 1 maglia alta, saltare una maglia di base *. Ripetere da * a *
2° giro: 1 maglia alta, * nell'arco tra le due maglie alte del giro precedente, lavorare 1 maglia alta, 1 catenella, 1 maglia alta. Ripetere da * a *. 


Vestito: 
Esecuzione

Dietro: 
Unite al filato rosa il filo di lamè e con i ferri n. 2,5 avviate 14 maglie e lavorate a maglia rasata; nel corso del 3° ferro aumentate  1 maglia ogni 2 maglie (si otterranno 20 maglie). Lavorare altri 6 ferri a maglia rasata, quindi, diminuire ai lati, ogni 2 ferri, 1 maglia per 4 volte.  A cm. 7,5 di altezza totale intrecciare tutte le maglie. 

Davanti: Unite al filato rosa il filo di lamè e con i ferri n. 2,5 avviate 19 maglie e lavorate 7 ferri a maglia rasata; quindi diminuite ai lati, ogni 2 ferri, 1 maglia per 4 volte.  A cm. 7,5 di altezza totale diminuire ai lati, all'interno di 2 maglie , ogni 2 ferri, 1 maglia per  2 volte;  intrecciare le maglie rimaste.   

Confezione

Cucire un fianco. Con il filato rosa unito al filo di lamè e con i ferri n. 2,5 riprendere lungo l'orlo inferiore 41 maglie, lavorare 3 ferri a maglia rasata rovescio; nel corso del 1° ferro lavorare in ogni maglia 2 maglie (si otterranno 82 maglie ) Lavorare 1 ferro a maglia rasata diritta e intrecciare tutte le maglie. Cucire l'altro fianco. Con l'uncinetto n. 2,5 ed il filo di lamè eseguire 2 catenelle lunghe  cm. 10 ed attaccarle ai lati dello scollo.  Eseguire il fiore con il filo di lamè e l'uncinetto n. 2,5 nel seguente modo: avviare una catenella di 5 maglie e chiuderla ad anello. 1° giro: nell'anello ottenuto lavorare *1 maglia bassa, 3 catenelle* Ripetere da *a* per 5 volte.  2° giro: in ogni arco del giro precedente lavorare 1 maglia bassa, 3 maglie alte, 1 maglia bassa. Spezzare e fermare il filo. Cucire il fiore sul lato sinistro del davanti.    

Lo Scialle: 
Esecuzione

Con il filato di mohair rosa e l'uncinetto n. 2,5 avviare 1 catenella di 16 maglie e lavorare a punto fantasia. A cm. 22 di altezza totale spezzare e fermare il filo. Per le frange preparare 24 mazzetti di 2 fili ciascuno, lunghi cm 10 ed annodarli ai lati della sciarpa.

domenica 10 ottobre 2010

La Torta Mimosa di Giada

Giada adora il giallo, quindi la sua torta preferita non può che essere la Torta Mimosa! 
Io per il suo compleanno, che abbiamo festeggiato tutti insieme ieri sera, l'ho preparata cosi! 

Occorrente: 
Per il pan di Spagna

14 uova * 420 gr. di zucchero * 420 gr. di farina * 1 pizzico di bicarbonato 
nb. (la proporzione è sempre 30 gr. di zucchero e 30 gr. di farina per ogni uovo) 
facoltativo: la buccia grattuggiata di un limone non trattato

Preparazione: 
Montate a lungo le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere una battuta ben serrata, gonfia e spumosa (l'impasto dovrà cadere a nastro). Aromatizzate (facoltativo) con la buccia dell'arancia o del limone. A questo punto si procede a mano (non più con lo sbattitore), spolverizzate sulla massa la farina, incorporandola via via all'impasto facendo ben attenzione a non farlo smontare. Quando la farina è quasi finita, aggiungete la punta di un cucchiaino di bicarbonato al composto. Imburrate ed infarinate una teglia di 24 cm. di diametro, questa è una teglia quadrata di circa 30 cm. per ogni lato. Versate l'impasto nello stampo a 180° per circa 30/35 minuti. 

Se avete il forno elettrico, la posizione migliore è 
sopra/sotto/ventilato

Quando sfornate il pan di spagna, mettete la teglia su un piano di legno così non si affloscerà (questo è un preziosissimo consiglio di 'za Vilma!) Poi appena tiepido, rivoltatelo sul piano di legno e lì lasciatelo freddare.


Occorrente: 
Per la crema chantilly
6 tuorli * 300 gr. di zucchero * 150 gr. di farina * 1 litro di latte * la buccia grattuggiata di un limone non trattato
mezzo litro di panna liquida (va bene anche quella vegetale, tipo Hoplà) 

Preparazione: 
Mettete in un pentolino abbastanza capiente i tuorli con lo zucchero e montateli  a lungo , fino ad ottenere un composto ben spumoso, aggiungete la farina, quindi mettete il pentolino sul fuoco e gradatamente, sbattendo velocemente, per evitare i grumi, aggiungete il latte e la scorza grattugiata del limone. Continuare a mescolare, finchè la crema non comincia a bollire. Continuare a mescolare e via via la crema si addenserà. E' pronta, quando mettendone un pò su un cucchiaino da caffè, e freddandola un pò, vedete che è ben soda. Se fosse troppo liquida, aggiungendo la panna, diventerebbe ancora più morbida e colerebbe farcendo la torta. 
Quando la crema è pronta, toglierla dal fuoco, versarla in una ciotola e coprirla con pellicola da cucina, facendo ben aderire questa allo strato superiore della crema; in questo modo non farà la classica pellicina e sarà anche salvaguardata da eventuali batteri. 
Procedendo con il Bimby, mettere tutti gli ingredienti nel boccale e cuocere 15 minuti a 80° a velocità 4.
Lasciar freddare la crema, quindi metterla in frigorifero. 
Montate la panna e mettete anche questa in frigorifero. 
Lascia riposare sia la crema che la panna, almeno una giornata in frigorifero. 
Quindi aggiungere alla crema 1/4 della panna montata ed amalgamare bene il tutto. 
Rimettere sia la crema chantilly che la panna in frigo sino al momento di farcire la torta.

Occorrente: 
Per fare le scritte e le decorazioni 
100 gr. Cioccolato fondente * poco burro * una siringa da pasticcere * carta forno *
gocce di cioccolato fondente - 4 roselline di ostia arancioni -

Preparazione: 
Far sciogliere in un pentolino a bagnomaria circa due quadrati di cioccolato fondente(100 gr.) con un cucchiaio di burro.  Mescolare e quando è ben sciolto togliere dal fuoco. Lasciar freddare fino ad arrivare ad una temperatura di circa 32°. 
Preparare la scritta a mano o al computer, come preferite, su un foglio bianco. Mettere quindi sopra alla scritta da ricalcare la carta forno così da poter vedere in trasparenza.  Mettere il cioccolato nella siringa con la bocchetta adatta a fare le scritte (quella con il buchino piccolo) e scrivere sulla carta forno, ricalcando la scritta sottostante. Mettere poi la scritta adagiata su un vassoio in frigorifero fino al momento dell'utilizzo. 

Confezione della torta: 
Tagliare il pan di spagna nella parte superiore ad un cm. dal bordo e, aiutandosi con le mani, cavare via via la mollica che servirà poi per fare la copertura. Conservare la mollica in un recipiente chiuso (affinchè non secchi).  Mettere il pan di Spagna, sul piatto da torta e bagnare la parte inferiore con uno sciroppo di latte e poco limoncello (se avete la crema di limoncello ancora meglio) non troppo, altrimenti risulta troppo liquoroso. Mettere quindi uno strato di crema chantilly e le gocce di cioccolato.  Coprire con l'altro disco di pan di Spagna, anch'esso bagnato e bagnare ancora un pò la superficie. Ricoprire con la restante crema chantilly la superficie superiore ed i bordi. Avvolgere, intorno al bordo della torta, un nastro di carta d'alluminio, che bloccherete ad una estremità con due stecchini.  Questo serve per mettere  in forma la torta. Lasciar riposare in frigorifero. 
Qualche ora prima di servire, decorare la torta. Togliere il foglio di alluminio e con la restante crema chantilly, bordare tutta la torta. Mettere poi uno strato di panna montata sulla torta e ricoprire con la mollica di pan di spagna. Tutto intorno al bordo decorare con panna montata , utilizzando la siringa con bocchetta a stella.   Se nella sac à poche (o siringa) mettete alcune gocce di colorante giallo, vi verrà una panna leggermente sfumata in giallo. 
Prendere quindi le scritte dal frigorifero, staccarle facendo ben attenzione dalla carta forno e posizionarle sulla torta. Aggiungere le altre decorazioni a piacere.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...